Discriminazioni

Nodo territoriale contro le discriminazioni

In un contesto, come quello attuale, di cambiamenti sociali e demografici, la questione della discriminazione acquista un peso sempre più rilevante rispetto alla necessità di garantire a tutte le persone i propri diritti attraverso un nuovo impegno delle istituzioni e della società civile.

Tra i principi  fondanti del nostro Ordinamento Giuridico che sanciscono il divieto di discriminazione, l'art. 3 della Costituzione della Repubblica Italiana e l'art. 21 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea.

la Regione Piemonte nel 2016, con l'approvazione della L.R. 5 "Norme di attuazione del divieto di ogni forma di discriminazione e della parità di trattamento nelle materie di competenza regionale", fissa alcuni criteri generali riferiti alla parità di trattamento e al divieto di ogni forma di discriminazione; l'art. 12, istituisce la Rete regionale contro le Discriminazioni in Piemonte, con compiti di prevenzione e contrasto delle discriminazioni e assistenza alle vittime, in accordo con l' Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, - U.NA.R.- (Dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri) e in collaborazione con gli enti locali piemontesi, l'associazionismo e le parti sociali.

La Provincia di Cuneo, che con la L.56/14 si vede riconosciuta la competenza in materia di pari opportunità, si inserisce dunque a pieno titolo nella Rete Regionale di contrasto alle discriminazioni e promozione dei diritti. L'azione congiunta tra  Regione Piemonte e la Provincia di Cuneo è stata formalizzata con la sottoscrizione di un protocollo di intesa in materia di iniziative contro le discriminazioni, il cui obiettivo è la creazione del Nodo Territoriale della Rete, come disciplinato dal Regolamento regionale (27 febbraio 2017 n.6/R) in attuazione della legge regionale 5/16.

Il Nodo, che ha sede presso la Provincia di Cuneo e competenza su tutto il territorio provinciale, svolge le seguenti funzioni: a) accoglienza, orientamento, presa in carico delle persone che segnalano una discriminazione e gestione dei casi; b) costruzione e coordinamento della Rete territoriale contro le discriminazioni; c) informazione, comunicazione e sensibilizzazione sulle tematiche antidiscriminatorie.

Come si accede

Il Nodo Territoriale della Provincia di Cuneo contro le discriminazioni riceve su appuntamento nella sede di corso Nizza,21 – Cuneo, per contatti:

Rete territoriale contro le discriminazioni

Avviso pubblico per la manifestazione di interesse per l'adesione alla rete territoriale di prevenzione e contrasto delle discriminazioni di cui alla Legge regionale n.5/2016

La manifestazione di interesse dovrà pervenire:

  • posta elettronica certificata al seguente indirizzo: protocollo@provincia.cuneo.legalmail.it;
  • busta chiusa riportante la seguente dicitura: AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L'ADESIONE ALLA RETE REGIONALE TERRITORIALE DI PREVENZIONE E CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI completa della documentazione indicata, indirizzata a:

Provincia di Cuneo
Settore Funzioni delegate, coesione sociale e programmazione europea
Ufficio Pari Opportunità
Corso Nizza,21 – 12100 CUNEO

  • consegnate a mano al Protocollo - nell'orario di apertura al pubblico (dalle 9.00 alle 12.00 dal lunedì al venerdì)
Aggiornato il 18.12.2017
© Provincia di Cuneo 1999 - 2018